Massimo Rebecchi Spring-Summer 2014 | Milan Fashion Week

L'eleganza e la femminilità della donna firmate dall'arte, questa è l'ispirazione di Massimo Rebecchi per la collezione Primavera-Estate 2014.

Per la nuova stagione Primavera-Estate 2014 Massimo Rebecchi decide di costruire le linee della collezione rifacendosi agli inauditi anni ’60, puntando su una femminilità romantica e sfaccettata. Per ottenere questo effetto, gioca con dinamismo con i materiali, accostandoli a contrasto: il celebre cotè classico è accompagnato da accenti di un scrive sera iperfemminile e si immedesima in capi doubleface, dove il tulle floreale si intreccia al tessuto tecnico ed innovativo anti pioggia; eleganti abiti a tubino in pizzo pastello e macramè, invece, sono intarsiati con broccati leggeri e plumetis, che si trasformano in impalpabili chiffon di seta, arricchiti ed impreziositi da disegni acquerellò nei colori di un tramonto marino.

Massimo Rebecchi Spring-Summer 2014

Massimo Rebecchi Spring-Summer 2014

Massimo Rebecchi Spring-Summer 2014

L’eleganza viene ritrovata in volumi e forme minimali, che esaltano il corpo con un gioco complice di intuizioni: l’arte moderna influenza e caratterizza cromaticamente stampe a bolle, dando vita a binomi cromatici “choc”, cipria-indaco, corallo-turchese, acido-nero, nei piccoli top, nelle gonne e nelle camice over e micro.

Lo sport si avvolge romanticamente ed elegantemente alle nuove camice: i top mostrano la schiena nuda, con un motivo intrigante e sensuale di lacci intrecciati che segnano anche le jumpsuit in seta lavata e i dress. Le maglie sono realizzate a rete con l’aggiunta di placcature metalliche d’oro e bronzo per un tocco di preziosità. Al tailleur sartoriale classico della maison è dato un segno inaspettato da deliziosi tocchi di stampe etnical-pixeled, che lo rendono acceso, vivo e stravagante.

L’arte lascia nella collezione di Massimo Rebecchi il suo segno grafico: pattern fotografici da pop art, motivi ibiscus e giungle, stampe tropicali, dalla tradizione alla contaminazione. La sartorialità è messa sul podio, i volumi sono semplici ed essenziali, lo stile ricercato e puro accoglie lavorazioni complesse: da una palette di base che si sfuma dagli essenziali ed immancabili bianco e nero, piomba sulla scena l’organza leggera e trasparente, che si intreccia leziosamente al pizzo e si anima nelle nuove camice accostate ed abbinate a mini svasate o a pencil skirt al ginocchio. N.F.

Resta sempre aggiornato! Iscriviti alla Newsletter di FASHION TIMES

Massimo Rebecchi Spring-Summer 2014

Massimo Rebecchi Spring-Summer 2014

Massimo Rebecchi Spring-Summer 2014

Commenti

comments