Sopravvivenza e sovrapposizioni grunge per l’uomo di Frankie Morello VIDEO

Un po’ amara la sfilata di Frankie Morello… Dopo i vari disaster movies come “2012” oppure “The Road” che di certo non ci rassicurano sulla nostra sorte dopo il 12 dicembre 2012… Che i tempi non erano dei migliori già si sapeva. Gli anni anni d’oro dell’economia e del consumo sono proprio finiti e chissà […]

Un po’ amara la sfilata di Frankie Morello… Dopo i vari disaster movies come “2012” oppure “The Road” che di certo non ci rassicurano sulla nostra sorte dopo il 12 dicembre 2012… Che i tempi non erano dei migliori già si sapeva. Gli anni anni d’oro dell’economia e del consumo sono proprio finiti e chissà quando tornano. Cosi, i modelli vestiti di sovrapposizioni di tessuti grezzi e di pezzi scostruiti sfilano attorno ad una performance che cattura l’attenzione di tutti, evolvendo con casse di legno, vestiti unicamente di uno slip firmato Frankie Morello.

Dai plaid e delle coperte militare nascono abiti, riadattati con cinghie tecniche. Ecco quindi che diventano veri giubbotti di salvataggio. Capi destinati alla sopravvivenza. Denuncia anche da parte degli stilisti della cultura che poco a poco viene dimenticata, soffocata. Cosi su una t-shirt, ecco la Divina Commedia che sparisce dentro un panino… pronta ad essere devorata! E.L.

Registrati gratis a Privalia: sconti fino al 70%

Frankie Morello A-I 2011/2012

Commenti

comments