Intervista in bianco ad Alessandro Oteri

Alessandro, le tue creazioni si riconoscono nelle forme eleganti e sobrie, ma al contempo disinvolte e contemporanee; per la grandissima varieta’ di colori e materiali…la tua ultima collezione invece e’ completamente bianca…la WhiteLight Collection di Alessandro Oteri Si, e’ il bianco infatti il colore assoluto di questa nuova collezione quasi a simboleggiare oggettivandolo nelle mie […]

Alessandro, le tue creazioni si riconoscono nelle forme eleganti e sobrie, ma al contempo disinvolte e contemporanee; per la grandissima varieta’ di colori e materiali…la tua ultima collezione invece e’ completamente bianca…la WhiteLight Collection di Alessandro Oteri Si, e’ il bianco infatti il colore assoluto di questa nuova collezione quasi a simboleggiare oggettivandolo nelle mie calzature il nuovo impulso societario che vede coinvolto il marchio. Un foglio bianco… nel quale poter scrive un nuovo capitolo e come su un foglio bianco ho voluto ridisegnare i mie modelli “must”I materiali che ho usato vanno dal cocco bianco alla seta, dal vitello morbido alla paillettes, con inserti preziosi di argento che esaltano ancor di piu’ forme e proporzioni

Una nuova struttura organizzativa, piu’ articolata ed organica, una collezione per la prima volta monocromatica ma la riconferma di Via Cerva, centrale e allo stesso tempo nascosta allo sguardo non attento… Ho riconfermato questa via per il mio atelier e per l’apertura del nuovo showroom, perche mi ricorda le piccole vie di Genova, la mia citta’ Natale. Una via ricercata ma dal senso familiare, da scoprire in una lenta passeggiata

Quali i progetti futuri del tuo marchio? Consolidare ed ampliare la distribuzione in Italia e poi uno showroom a New York, il marchio si rivolge ad un mercato internazionale ma resta fedele al principio di scostarsi dai canoni globalizzanti per riconfermare lo spirito di esclusivita’, con una distribuzione selezionata.

Alessandro OteriAlessandro Oteri
Alessandro Oteri
Alessandro Oteri
Alessandro Oteri
Alessandro Oteri

Commenti

comments