Stilista della Salute? Una copia del Sole Rosa proposto e ignorato da 2 anni!

Copiamo e incolliamo l’articolo uscito sul Corriere dalla Sera, ieri 22 settembre 2009: IL «CODICE» DELLA BELLEZZA – E proprio alla vigilia della settimana milanese, il Comune prova a dettare le linee guida per la lotta all’anoressia: in passerella solo modelle over 16, con pesi e forme diversi per diffondere l’equazione «bellezza uguale varietà». Niente […]

Copiamo e incolliamo l’articolo uscito sul Corriere dalla Sera, ieri 22 settembre 2009:

IL «CODICE» DELLA BELLEZZA – E proprio alla vigilia della settimana milanese, il Comune prova a dettare le linee guida per la lotta all’anoressia: in passerella solo modelle over 16, con pesi e forme diversi per diffondere l’equazione «bellezza uguale varietà». Niente più book ritoccati a Photoshop e premi agli stilisti alleati della salute. Come annunciato nei giorni scorsi dall’assessore alla Salute di Palazzo Marino, Giampaolo Landi di Chiavenna, si è riunito ieri il Tavolo moda e salute a cui hanno partecipato la Camera della moda, Assem-Associazione nazionale delle modelle e il Comitato scientifico salute e moda, coordinati da Landi. Durante l’incontro è stato riconfermato l’impegno nel promuovere azioni volte al rispetto del Codice etico sottoscritto nel 2006. È emersa inoltre la volontà comune di istituire uno speciale riconoscimento per lo «stilista della salute», che verrà assegnato alle case di moda che abbiano rispettato i criteri stabiliti nel Codice. Infine, l’intenzione è di esportare queste regole e condividerle all’estero.

Speriamo che non si tratti del solito fuoco di paglia utile a parlare di anoressia solo durante la settimana della moda! Inoltre l’istituzione dello “speciale” riconoscimento per lo “stilista della salute” nient’altro è che una copia del già presente Sole Rosa, presentato alle Istituzioni e dalle Istituzioni stesse (Comune di Milano, Assessorato alle Attività Produttive e Assessorato alla Salute) per poi venir abbandonato. Insomma, le buone idee a scopo benefico al servizio della comunicazione, per fare notizia, quando paradossalmente dovrebbe essere la comunicazione al servizio di questi progetti.

Vera novità invece l’impegno di non ritoccare più i book a photoshop nel rispetto del codice etico, sottoscritto nel 2006, e mai davvero rispettato da tutti! Stiamo a vedere..

Approfittiamo allora per rilanciare la nostra campagna UN PIXEL CONTRO L’ANORESSIA E LA BULIMIA. Per comprare un pixel a sostegno della campagna il cui ricavato sarà destinato all’Associazione Mondosole del Dottor Matteo Mugnani e di Chiara Sole, clicca su UNPIXELCONTRO.ORG

Per informazioni su Mondosole: www.mondosole.com

Libro di Chiara SoleLibro di Chiara Sole

Commenti

comments